fbpx
You are here
Home > Attualità > Nel centenario della nascita di PAPA WOJTYLA un libro ricorda la visita in Polonia

Nel centenario della nascita di PAPA WOJTYLA un libro ricorda la visita in Polonia

Reading Time: 3 minutes

Il volume di Mario Narducci, già vaticanista de “il Popolo”, il 30 agosto in anteprima a San Pietro della Jenca

Nell’anno centenario della nascita di Karol Wojtyla – San Giovanni Paolo II, esce in questi giorni il volume “I giorni che sconvolsero l’Europa dell’Est – Il primo viaggio di Wojtyla in Polonia” di Mario Narducci. Il fecondo poeta e scrittore aquilano, già vaticanista del quotidiano “il Popolo”, in questo interessante volume ricorda, attraverso i suoi reportage a seguito del pontefice, lo storico viaggio apostolico in Polonia di Giovanni Paolo II, nel giugno 1979. Narducci, che aveva già seguito gli ultimi anni di Paolo VI, è stato poi testimone diretto per un decennio delle visite apostoliche di Papa Wojtyla in tutto il mondo.

Domenica prossima 30 agosto 2020, alle ore 17.30, Mario Narducci presenterà in anteprima il suo libro nell’ultimo appuntamento della Rassegna “Il Giardino Letterario”, organizzata dall’Associazione culturale “San Pietro della Ienca”, laddove è situato il primo Santuario dedicato a San Giovanni Paolo II, nel luogo dove il Papa polacco andò più volte a rinfrancarsi e a raccogliersi in meditazione, all’ombra del Gran Sasso, montagna che egli molto amava, forse perché gli ricordava i Monti Tatra.

All’evento interverranno Pasquale Corriere, presidente dell’Associazione culturale “San Pietro della Jenca”, Liliana Biondi, già docente all’Università dell’Aquila, Stefano Pallotta, presidente dell’Ordine dei giornalisti d’Abruzzo, Goffredo Palmerini, scrittore e giornalista, Angelo De Nicola, giornalista e scrittore, Luca Bergamotto, direttore dell’emittente televisiva LaqTV, Franco Narducci, attore e regista.

“L’incontro con lo scrittore Mario Narducci – scrive l’Associazione San Pietro della Jenca in una nota – chiuderà, con successo, la VII rassegna culturale “Il Giardino Letterario” che ha avuto l’obiettivo primario di contribuire a promuovere le attività culturali e sostenere la conoscenza turistica del territorio del Gran Sasso e della Città dell’Aquila. Intento dell’Associazione Culturale è proprio quello di promuovere, attraverso la cultura con ospiti di rilevanza nazionale, un turismo integrato e di qualità, favorendo ed esaltando la conoscenza delle specifiche peculiarità del territorio costituito dalla meravigliosa bellezza della montagna unitamente ai valori dei centri storici del territorio aquilano.”

Non casuale la data della presentazione, programmata proprio in coincidenza con la ricorrenza del 40° anniversario della visita apostolica di Papa Giovanni Paolo II a L’Aquila, il 30 agosto 1980, quando il Santo Padre celebrò la Santa Messa all’esterno della Basilica di Santa Maria di Collemaggio, dopo aver visitato la Basilica di San Bernardino, il traforo del Gran Sasso e il Santuario di Roio.

Il volume “I giorni che sconvolsero l’Europa dell’Est” di Mario Narducci, pubblicato da IAED Edizioni, riporta molte immagini e in Appendice tutti i discorsi e le omelie pronunciate da Giovanni Paolo II in quella storica visita apostolica dal 2 al 10 giugno 1979. Reca inoltre la Presentazione di Stefano Pallotta e la Prefazione di chi scrive. Si riporta qui integralmente per dare meglio un cenno sull’opera di Mario Narducci, davvero molto interessante.

Si legge tutto d’un fiato questo bel libro di Mario Narducci. Intanto per la qualità della scrittura, davvero di rango elevato, che coinvolge il lettore nel racconto facendogli vivere eventi ed emozioni, quantunque si tratti di reportage giornalistici di 41 anni fa. Un fatto storico che “fece la storia”: questo fu il viaggio di Karol Wojtyla nella sua Polonia nel giugno 1979. Papa Giovanni Paolo II andava in visita apostolica nella sua terra oltre cortina, l’anno dopo la sua elezione al soglio di Pietro, avvenuta il 16 ottobre 1978. Mario, allora vaticanista del quotidiano il Popolo che già aveva seguito nei suoi viaggi Paolo VI nell’ultimo scorcio del pontificato, dopo il brevissimo papato di Giovanni Paolo I durato appena 33 giorni, si trovò a vivere una straordinaria esperienza da cronista giramondo per oltre un decennio, seguendo papa Wojtyla nei suoi numerosi viaggi. Alla fine del pontificato Giovanni Paolo II ne avrebbe contati ben 104 di viaggi apostolici, in ogni angolo del mondo.

di Goffredo Palmerini

Print Friendly, PDF & Email
Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: