fbpx
You are here
Home > Attualità > MAX NARDARI | Sognando una terra FRAGILE ma capace di respirare

MAX NARDARI | Sognando una terra FRAGILE ma capace di respirare

Reading Time: 2 minutes

Fragile è il progetto sperimentale di Max Nardari  accompagnato da  un videoclip musicale in animazione, realizzato con la regia dello stesso Max Nardari insieme a Emiliano Leone uno dei massimi esperti in animazione ed effetti visivi.
Max Nardari, regista, autore, produttore e cantautore, dopo aver scritto brani per artisti italiani e dopo diversi film per cinema e tv, videoclip e spot pubblicitari, ha voluto fortemente celebrare il suo percorso artistico in questa nuova esperienza transmediale.

Fragile si propone di trasformare la sofferenza in speranza dimostrando come le fragilità di ciascuno possano diventare forza.

Il testo di Fragile a prima vista può sembrare autobiografico, nel racconto di un uomo che utilizza la propria fragilità come risorsa, anche se in realtà il vero protagonista è il mondo, devastato dai nostri egoismi, che l’hanno portato alla sua distruzione. Un pianeta che si rivolge agli uomini, invitandoli a risvegliarsi, ripartendo proprio dalle loro fragilità. Questo progetto è per me come un figlio: non è solo una canzone, ma anche un video dove musica e cinema, insieme, si uniscono totalmente”.

Un artista italiano come Max Nardari ha scelto un linguaggio internazionale supportato da sottotitoli in italiano per far apprezzare e comprendere un testo carico di significati, dove ogni parola ha un peso.

Non c’è sofferenza senza gioia e non c’è gioia senza sofferenza: come creativo non posso non ricordare questa pagina drammatica di storia. Luce e oscurità sono parte della vita e prosegue: “Dedico questo mio lavoro a tutti coloro che, con impegno e dedizione si sono adoperati affinché potessimo superare questa emergenza. L’obiettivo è di non dimenticare troppo in fretta il loro grande sacrificio”.

Fragile è il primo tassello di un disco che uscirà prima della fine dell’anno, con sonorità pop dance. Max Nardari, ancora una volta, come nei suoi film sa regalarci sorrisi misti a pianto, costringendoci a riflettere.

Print Friendly, PDF & Email
Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: