fbpx
You are here
Home > Attualità > FESTIVAL MIRABILIA – SATELLITE OF LIFE – International Circus & Performing arts – Festival 29 agosto / 12 settembre

FESTIVAL MIRABILIA – SATELLITE OF LIFE – International Circus & Performing arts – Festival 29 agosto / 12 settembre

Reading Time: 9 minutes

#ComunicaCirco #FestivalMirabilia #satelliteoflife #PerformingLands

Satellite of life, inno alla rinascita attraverso la forza della natura e il perenne rinnovarsi della vita. Questo il tema scelto per la XIVma edizione di Mirabilia International Circus & Performing Arts Festival con la direzione artistica di Fabrizio Gavosto, in un’edizione ripensata, in tempi strettissimi, appositamente per il 2020 con un programma completamente ridefinito per potersi adattare alle nuove esigenze dettate dall’emergenza sanitaria.
Il Festival sarà ospitato per la prima volta nella città di Cuneo dall’1 al 6 settembre 2020.

Anteprime e spettacoli programmati anche a Busca il 29 e 30 agosto, due spettacoli in matinée a Torino il 29 agosto e il 5 settembre e un appuntamento a Savigliano il 12 settembre.

Mirabilia 2020, Satellite of life, non abbandona,nonostante il particolarissimo momento di emergenza sanitaria, alcuni suoi importantiobiettivi che si legano a doppio filo con il territorio del cuneese, nell’ottica di affermare sempre più il ruolo centrale dell’arte e della creatività come motori di una rinascita culturale e sociale ma anche di valorizzazione e sviluppo del territorio.Compatibilmente con le restrizioni governative e con le soluzioni che è stato necessario adottare, che hanno inevitabilmente costretto a cancellare gli aspetti di “azioneurbana” che da sempre caratterizzano il Festival, Mirabilia 2020 sarà all’insegna del grande circo contemporaneo, del teatro e della danza, e regalerà momenti di intensità, magia e leggerezza, in un racconto progettato per snodarsi t

Ripensare la “dimensione del teatro”, per potersi adattare alla nuova situazione e trasformare i limiti in sfide. Spettacoli e progettualità, ispirandosi al tema Satellite of life, sono stati rimodulati in base ai nuovi scenari esistenti, integrati con l’introduzione di tecnologie digitali e con la creazione di percorsi e di formule nuove pensati in collaborazione e in continuo confronto con tutte le istituzioni, gli artisti e i numerosi partner di Mirabilia.“Cos’è Mirabilia 2020? In un periodo difficile, segnato dall’emergenza Covid, Mirabilia non ha paura di re inventarsi e di adeguarsi.Infatti per la sua quattordicesima edizione, il Festival trae linfa dalle proprie esperienze, dalle radici profondamente radicate nel magnifico territorio, e si adegua al cambiamento, dettato dalla contingente situazione emergenziale, per generare sempre qualcosa di nuovo, ripartire e ricominciare a crescere insieme.Continuare a coltivare bellezza e meraviglia, perchèl’essere capaci di emozionarsi insieme ci rende parti attive della società, ed è una possibile chiave per vivere il nuovo futuro senza paura. Satelliti e radici le Arti Performative, in una nuova veste “light” per il 2020, ma che poi tanto light non è, e che presenta proposte differenziate nelle aree, nei pubblici e nella tipologiaInevitabilmente quasi assente nella parte di “invasione e trasformazione urbana” della programmazione, Mirabilia sarà da scoprire quest’anno nei bellissimi cortili, nei giardini, nei tendoni e nel magnifico Teatro Toselli di Cuneo. Non toccherà le piazze e le strade come è sua amata abitudine…ma comunque saprà “perturbarle” con intima delicatezza, in segreto e a sorpresa, poichè sono spazi fondamentali. Condivisione intensa d’istanti, in sicurezza, e a distanza appropriata, ma comunque insieme e vicini, a Cuneo come a Busca e al Museo Ferroviario di Savigliano, per puntare uniti a condividere le nostre magiche città, le emozioni e le sensazioni che solo i grandi spettacoli sannodonare; un manifesto ad andare avanti, a guardare attenti eppur sereni alle sfide del futuro.” queste le parole di Fabrizio Gavosto ideatore e direttore artistico del Festival. Tra i maggiori festival di settore e nominato Festival Culturale Europeo nel 2012, Mirabilia riconferma – anche in questo particolarissimo 2020 – la sua vocazione internazionale in un cartellone composto anche per questa edizione da compagnie italiane e internazionali con progetti creati anche nell’ambito di residenze artistiche fortemente radicate sul territorio.

Una programmazione di dieci giorni, tra Cuneo, Busca, Torino e Savigliano, di circo contemporaneo, teatro, danza, teatro e musica, con oltre 30 compagnie da 8 nazioni e 100 spettacoli che saranno ospitati tra chapiteaux, piazze, teatri, giardini, cortili e musei in piena sicurezza e in modalità contingentata. L’accesso a tutti gli spettacoli, anche quelli gratuiti, sarà purtroppo limitato e, oltre ai tradizionali canali di biglietteria, sarà anche gestito tramite una nuova app appositamente realizzata, che conterrà programma, schede, appuntamenti, biglietti, mappe degli spettacoli e delle attività commerciali, e che si potrà scaricare gratuitamente sui propri cellulari per “navigare” il festival con grande facilità e in massima sicurezza.

Dopo le due ricche giornate di programmazione a Busca, si apre martedi 1 settembre alle 18 con l’inaugurazione ufficiale del primo appuntamento nella Città di Cuneo, che quest’anno ospita per la prima volta nei cortili e spazi del bellissimo centro storico e nei suoi verdi parchi il Festival dall’1 al 6 settembre.

Sarà il grande Arturo Brachetti, insieme alle Autorità, a tagliare il nastro e a stare con noi nella prima serata cuneese della quattordicesima edizione del Mirabilia International Circus & Performing Arts Festival. Una serata di grande Circo contemporaneo francese, aprirà infatti al Teatro Toselli il poetico Concerto pour deux clown della Compagnia Les Rois Vagabonds e, a seguire, la Compagnie Rasposo che, nel suo chapiteau, presenterà Oraisonin prima italiana assoluta, (con repliche 3,4,5,6 settembre). Il nuovissimo spettacolo della pluripremiata drammaturga circense Marie Molliens e della Compagnie Rasposo, progetto sostenuto nel 2019 in fase di creazione anche da Mirabilia attraverso la Residenza Artistica Multidisciplinare #PerformingLands, che ci propone, con le caratteristiche di eccellenza proprie della Compagnia, un circo intimo, inquietante, liberatorio, una metafora rivelatrice e ribelle, una costruzione scenica sorprendente che attraverso la massima espressione del circo contemporaneo mondiale ci regalerà visioni indimenticabili costruite con maestria da quella che è forse la più grande creatrice vivente del circo contemporaneo francese.In chiusura di serata la Baklava Klezmer Soul, gruppo italiano che si esibirà in una performance musical-teatrale.

Il giorno successivo mercoledì 2 settembre si inizia con il vincitore del bando ministriale Boarding Pass Plus “Take Off”, la Compagnia italo francese Zeccon La 8ème BALLE uno spettacolo che visita numerosi universi al ritmo delirante della giocoleria in cui gli artisti illustrano, con umorismo e apprensione, la fragilità dei legami tra gli esseri umani. In Anteprima nazionale la Compagnia italiana Abbondanza Bertoni presenta a seguire Hyenas: cinque esseri antropomorfi arrivano nel luogo convenuto. Uno spazio esclusivo e lussuoso. Sono esseri umani vestiti da pecore, della razza delle iene, e che parlano con voce altra. Gruppo di eletti? Vigliacchi, viziati, potenti?

Sempre il 2 settembre debuttano a Mirabilia i meravigliosi LOST in Translation: dal Regno Unito arriva una versione altamente circense e travolgente de “Il Barone Rampante”, uno spettacolo di circo/teatro davvero mozzafiato, fra trapezi volanti, quadri acrobatici e evoluzioni aeree.

I video de La Danza in un Minutodi COORPI sarannovisibili presso la segreteria del Festival a partire dalle ore 15:00 e fino alle ore 21:00, fino all’ultimo giorno di Festival. In chiusura di serata, in Piazza del Foro Boario, la musica di Zerevo Rom Orkestar, un concerto-spettacolo di musica tradizionale Rom,una vera immersione nelle allegre e intense melodie zigane.

Mercoledì 3 settembre oltre a Rasposo, Le Roi Vagabond e Lost in Traslation sarà il teatro urbano ad aprire la giornata con Faber Teatro nella grande piazza del Foro Boario che porta il suo Grande Piano, divenuto ormai famosissimo, in una nuova versione (con repliche 4 e 6 settembre) totalmente rinnovata come strumento e con un software molto più potente, per un’animazione didattica e uno spettacolo di danza musicale unici in Europa. Nella stessa giornata, per il progetto Trampolino promosso da A.C.C.I. – Associazione Circo Contemporaneo Italia – di cui Mirabilia è fra i Soci fondatori, anche Lorenzo Crivellari con Rex un progetto che utilizza la tecnologia come strumento a servizio di linguaggi universali quali sono il circo contemporaneo, il teatro e la performance. I cuneesi Prismabanda saranno in Piazza del Foro Boario con Urka!, nuovissima creazione accompagnata dal sapiente occhio esterno di Lorenzo Baronchelli e Fabrizio Gavosto, un’azione sul territorio sostenuta attraverso il progetto #Performing Lands 2020.  Il 3 ancora, i meravigliosi Circo Zoé che nel loro tendone avranno una “Carte Blanche” totale di creazione per il Festival. E poi, per i più piccini, aprono in sicurezza i giochi di una volta del Il Micro Circo.

Da venerdì 4 si entra nel cuore del Festival con un cartellone fittissimo di spettacoli di circo contemporaneo, attività prevalente del Festival, oltre a danza e teatro. Ritorna l’area espositiva artigianale Manufactoche sarà collocata per questa edizione nella Piazza del Foro Boario, dal 4 al 6 settembre, e dove sarà possibile trovare, come sempre, tantissime idee originali e uniche dal mondo dell’hand made. Uno spazio speciale sarà dedicato all’ Interplay Festivaldi Torino che, vista in maggio l’emergenza Covid19, ha dovuto reinventarsi dividendosi in due parti: a maggio una sezione digitale e, tra settembre e novembre, una parte di programmazione “diffusa” presso rassegne e festival amici. Interplay sarà presente a Mirabilia con la Compagnia Ivona di Pablo Girolamiche si esibisce in Manbuhsa. Un cammino vibrante di inconsapevoli emozioni, innocenza e giocosità. I performer si trasformano in gru, ragni, pavoni, per uno studio e una trasposizione sul corpo di peculiari danze animali. Sempre tra le proposte di danza, nel bellissimo Parco Fluviale di Cuneo all’alba e al tramonto, Tecnologia filosoficapresenta H20, Il viaggio dell’acqua proveniente dallo spazio, un luogo senza tempo. Quanto tempo avrà viaggiato la cometa che ciha portato le prime gocce d’acqua? Ogni goccia è un mondo a parte. Ogni goccia un respiro. E ancora Za Danceworks inprima assoluta con Pulse, creazione sostenuta in Residenza Artistica a Busca per il progetto #Performing Lands 2020. Durante la giornata il teatro di figura de il Signor Formicola che replica anche il 5 e 6 settembre.

Il Circo contemporaneo sarà presente anche con i giovanissimi: il Progetto Quinta Parete, sostenuto dalla Compagnia di San Paolo, vede infatti in partenariato due festival, Mirabilia e Circumnavigando, l’Ass. Giocolieri e Dintorni e le scuole di circo ludico di Piemonte e Liguria.

Nonostante questo complicato 2020, il progetto è riuscito a ideare e portare a termine “Trasbloc”, una performance nata dai giovani talenti delle scuole, che è frutto un incontro-collaborazione fra i ragazzi più grandi, capitanati da Riccardo Massidda, che presenteranno per la prima volta il risultato del loro lavoroal Festival. In chiusura di serata, musica klezmer e gitana con una programmazione curata da Isacco Basilotta che vede la band Koin’ego con un Concerto-spettacolo di musica tradizionale Yddish. Un repertorio di melodie variegato e dinamico, un’occasione per incontrare un prezioso patrimonio culturale.

Sabato 5 settembre arriva la danza irriverente di Silvia Gribaudi con Graces ospitata al Teatro Toselli (in replica anche il 6 settembre) un progetto di performance ispirato alla scultura e al concetto di bellezza e natura che Antonio Canova realizzò tra il 1812 e il 1817. Cos’è la bellezza? Come si manifesta? Le grazie sono diventate canone estetico neoclassico, ma prima di ogni cosa incarnano gioia, splendore e prosperità. Sempre sabato uno degli otto spettacoli della programmazione che la Fondazione Piemonte dal Vivo propone a Mirabilia, in una collaudata e consolidata collaborazione che vede da anni il Circuito piemontese co progettare con il Festival il “Focus Italian Dance”. Ma quest’anno al Focus farà capolino anche la circo-danza con l’intenso e onirico Vertiginedi Giulietta – Distance mode, della Compagnia blucin Que, firmato dalla coreografa Caterina Mochi Sismondi, progetto proposto anche attraverso Take Off. Inoltre, all’interno della stessa programmazione sviluppata con Piemonte dal Vivo, il Balletto Teatro di Torino, con più repliche nella splendida cornice del cortile della Fondazione CRC, presenta Manifesto. Un progetto site specific che vedrà l’affascinante scultura dell’artista italo-senegalese Maimouna Guerresi diventare protagonista nella creazione proposta dal BTT. La prima assoluta sarà per 1 solo spettatore e 3 cameramen, e verrà trasmessa in streaming attraverso l’app del festival, mentre le seguenti repliche saranno per un pubblico ridotto.Anche in questa giornata sarà particolarmente ricco il palinsesto di circo e teatro con repliche di grandi Compagnie ospitate nei giorni precedenti a cui si aggiunge una performance di teatro urbano con Stalker Teatroche presenta Prospero, una performance dal forte impatto visivo e musicale che si rivolge a un pubblico eterogeneo, curioso e attento alle novità. Un spettacolo dal vivo coinvolgente, un ponte tra arti visive e performance art.

Il direttore del circo che non c’è, Otto Panzer, torna a Mirabilia 2020 per la gioia dei piccoli e ancora sabato 5 settembre il centro storico sarà connotato da “Come Angeli del Cielo” del Silence Teatro con location e orari segreti per rapide e effimere visioni. Per il circo, in palinsesto uno spettacolo di Circo & Dintorni con The Black Blues Brothers, gli scoppiettanti artisti che eseguono le più increbili piramidi umane e acrobazie in una scenografia che ricostruisce un elegante locale in stile Cotton Club. Lo spettacolo sarà proposto presso il Pala UbiBanca in collaborazione con “Arena Live Festival”, manifestazione che ospita il calendario 2020 di programmazione estiva di Cuneo pensato dal Comune di Cuneo, l’Associazione Turistica Promocuneo e l’Associazione L’Argonauta. Domenica 6 settembre grande chiusura del Festival nella città di Cuneo. Un percorso di spettacoli coinvolgenti che si snoderà tra piazze, chapiteaux, teatri e cortili con le repliche diCie Rasposo, Black Blues Brothers, Silvia Gribaudi per il Focus Italian Dance, Faber teatro, Stalker teatro, Signor Formicola, Silence Teatro. I Drum Theatre, con il loro progetto sociale, riempiranno dei suoni delle loro percussioni piazza del Foro Boario. Una performance della Compagnia EgriBiancoDanzacon Pillole di Leonardo da Vinci – Anatomie Spirituali sarà più volte replicata nel corso della giornata nell’incantevole cortile della Fondazione CRC. La Compagnia di Susanna Egri e Raphael Bianco propone un‘indagine sul corpo dei danzatori, in un vero “processo di vivisezione”. Un impulso creativo, che si snoda fra la musica cruda e minimalista di Alessandro Cortini e i suoni della natura, così cari a Leonardo Da Vinci.

A chiudere l’ultima serata di Cuneo Il Gran Cabaret finaleallo chapiteau del Circo Zoé con lo spettacolo creato da questa sorprendente compagnia cuneese, accompagnato dalla scoppiettante musica deiBaklava.In anticipo sulla data di Cuneo saràla Città di Busca ad essere protagonista: tra sabato 29 edomenica 30 agosto accoglierà per il quarto anno consecutivo alcuni appuntamenti del Festival con un focus su teatro urbano e circo, con compagnie italiane adatte a grandi e piccini, quali Bingo, The Tamarros, Mistral, Otto Panzer e La Famiglia Mirabella egli imperdibili artisti inglesi della Compagnia Lost in Translation che debuttano a Mirabilia 2020 con il meraviglioso Il Barone Rampante. A Torino due matinée sono in programma nella sede dell’Imbarchino nel Parco del Valentino: il 29 agosto l’allegro Il Teatro Viaggiante con “La Famiglia Mirabella” e il 5 settembre la Compagnia Nando e Mailacon il rodatissimo e sempre scoppietante Kalinka. A Savigliano, nell’incredibile cornice del Museo Ferroviario Piemontese, torna Mirabilia nel suo ultimo appuntamento 2020, il 12 settembre. Una giornata dedicata alle famiglie e ai più piccoli, per una collaborazione consolidata che vede il Festival e il Museo (nato nel 1978 e aperto al pubblico nella sua sede saviglianese nel 2001) co progettare da alcuni anni programmazioni site specific e/o giornate di spettacolo dedicate appunto alle famiglie. Quest’anno il focus è dedicato ai più piccoli che saranno coinvolti in un laboratorio di percussioni dalla Compagnia Drum Theatre, prenderanno parte allo spettacolo “Steli” di Stalker Teatro, si stupiranno con le evoluzioni dei talentuosi Fratelli Medinie rideranno con le gustose disavventure de La Famiglia Mirabella. Nel 2020 il Mirabilia Festival grazie alla partnership con New Digital Appapproda definitivamente alla comunicazione digitalesu sistemi evoluti e utilizzabili dal pubblico su cui centralizzare la propria attività.Riprende nel 2020 la collaborazione di ambito formativo rivolta ad allievi e ex allievi della Scuola di Cirko Vertigo di Grugliasco.

Non mancheranno tavole rotonde e incontririservati ai PRO, gli organizzatori, direttori artistici e programmatori presenti al Festival e il laboratorio aperto a tutti di Social media Story Telling #ComunicaCirco proposto attraverso il Progetto Quinta Parete e condotto dal trascinante professor Simone Pacini, per imparare a raccontare con le nuove tecnologie, le emozioni di un Festival multidisciplinare.Da non perdere come sempre le meravigliose creazioni hand made di Manufactonell’area espositiva artigianale in piazza del Foro Boario a Cuneo il 4, 5 e 6 settembre

Print Friendly, PDF & Email
Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: