fbpx
You are here
Home > Attualità > Angelo Cicchetti | Little Heaven è il singolo che anticipa Hi, caro Icaro

Angelo Cicchetti | Little Heaven è il singolo che anticipa Hi, caro Icaro

Reading Time: 3 minutes

Little Heaven” è il nuovo singolo di Angelo Cicchetti in uscita il 4 maggio che anticipa la pubblicazione del primo album dell’artista nella seconda metà di maggio.

Questo disco è il frutto di una passione smisurata nei confronti della musica e quindi di ciò in cui ha sempre creduto fin dall’inizio del suo percorso artistico.

Il titolo gli è stato suggerito dall’amico Maurizio Bernacchia che ha collaborato nella scrittura dei testi di 5 brani (in tutto nell’album sono 9).

In maniera ironica mi mette in connessione con il personaggio mitologico di Icaro, che se da una parte incoscientemente osa a tal punto da bruciare le proprie ali e cadere giù, può rappresentare anche la figura del sognatore, curioso scopritore del mondo e di ciò che sta oltre, che non pone alcun limite davanti a sé; dunque un po’ mi rivedo in lui e lo saluto come un vecchio amico”.

Angelo Cicchetti ha iniziato a lavorare a questo progetto tre anni fa, esattamente quando ha cominciato a frequentare il CET (Centro Europeo Toscolano) di Mogol, posto in cui è nata l’amicizia e la collaborazione con Maurizio Bernacchia.

In questo disco ci sono le influenze musicali che l’artista ha assorbito nel corso degli anni, dal cantautorato italiano (De Andrè, Bertoli, Gaber, Battisti) a quello internazionale, soprattutto moderno (Jason Mraz, Ed Sheeran, Damien Rice). C’è un po’ di tutto, da brani molto leggeri e spensierati come “Un sole dentro di me” a qualcosa di più malinconico come “Super bowl” fino alla ballata romantica “Mare”. L’album, inoltre, contiene “Tutto se ne va”, con cui si è classificato al primo posto del “Premio Poggio Bustone 2018”.

Ho cercato di inseguire quello che chiamerei un ‘american mood’ nel suono e nell’intenzione comunicativa, che girano intorno al mondo della canzone pop, strizzando l’occhio al country e al jazz. Per raggiungere questo obiettivo mi sono avvalso di un bravissimo arrangiatore come Patrizio Baù. Sostanzialmente, il suono degli strumenti acustici e sintetizzati sono curati e suonati da lui, ad eccezione della chitarra acustica, suonata da me”.

Angelo Cicchetti, classe ’91, nasce a Matera. Comincia a suonare la chitarra militando in diverse rock band locali e molto presto, all’età di 14  anni, scrive la sua prima canzone. Ispirato dai cantautori italiani e, in generale, internazionali passa da sonorità rock a quelle più delicate come il jazz, fino ad arrivare a ritmiche energiche funky.

Negli anni si esibisce in diversi locali e caffè letterari della sua città natale fino ad arrivare al capoluogo pugliese di Bari.

Oltre alla componente imprescindibile live partecipa in diversi concorsi ed eventi musicali.

Nel 2011 partecipa al concorso musicale “ArteMextempore”, dell’Università degli Studi di Urbino, classificandosi tra i finalisti con la canzone “Sacra Poesia”.

Nel 2016 partecipa alla 4^ edizione del “premio Pierangelo Bertoli” arrivando in semifinale con il brano “Siano Diversi i Tempi”. Nello stesso anno partecipa al concorso musicale “Tour Music Fest”, categoria cantautori, fino a raggiungere la semifinale.

A dicembre del 2016 frequenta il CET (Centro Europeo di Toscolano) di Mogol e ottiene il diploma di compositore presso la scuola con i docenti Giuseppe Barbera e Massimo Bombino.

A gennaio 2018 vince il terzo premio assoluto del concorso Matera Stones Talent. Ad agosto dello stesso anno vince il primo premio del Premio Poggio Bustone e premio come miglior cover di Lucio Battisti. A Novembre pubblica il suo primo EP “Tutto se ne va” su tutte le principali piattaforme streaming.

A marzo del 2019 vince il Premio Città di Terni al concorso “Umbria Voice Festival” e sempre nello stesso anno torna al CET di Mogol, frequentando questa volta il corso per autori di testi con i maestri Giuseppe Anastasi e Maurizio Bernacchia.

Si classifica tra i finalisti del Premio Lunezia 2019 e nello stesso anno arriva tra i finalisti del Premio Donida.

Print Friendly, PDF & Email
Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: